MEDEA

MEDEA
Da Euripide

Prima Nazionale

Teatro Antico

Quadri fluttuanti di sabbia su testo elaborato da Nicasio Anzelmo
Sand Art: STEFANIA BRUNO
Narratore: Vincenzo Bruno
Al pianoforte: Diego Spitaleri
Produzione Le Baccanti Soc. Coop. in collaborazione con Amici della Musica Cefalù

Spettacolo in esclusiva per il Calatafimi Segesta Festival 2018 - Dionisiache

Note: Il mito eterno di Medea raccontatoattraverso la composizione / scomposizione di immagini che appaiono o svaniscono sulla sabbia. Attraverso questo tipo disuggestiva narrazione il mito prende forma e sostanza, accompagnandoci attraverso immagini visive molto suggestive. La Sand Art è una forma del teatro contemporaneo che si fonda sul racconto per immagini. Durante la performance l’artista modella la sabbia disposta su una lavagna luminosa creando una sequenza di immagini che costruiscono una narrazione. Tali immagini, frutto di un’abile e suggestiva creazione estemporanea, vengono proiettate su uno schermo in tempo reale. Con questa particolare arte della sabbia si creano storie meravigliose ed emozionanti, accompagnate da musiche registrate o live o dalle parole dell'artista, davanti agli occhi di spettatori incantati. Le immagini create con l'utilizzo della sabbia sono immagini che non vengono fissate su una tela ma si trasformano in altre immagini; suggestioni, influenzate dalla musica, che si trasformano in altre suggestioni in un percorso emozionale che è impossibile ripercorrere una seconda volta in maniera identica.