Comunicato stampa del 07.8.2018 - Calatafimi Segesta Festival
Dionisiache, Le Troiane di Seneca con Siravo
Le Troiane di Seneca al Teatro Antico di Segesta per il Calatafimi Segesta Festival – Dionisiache 2018, con la direzione artistica di Nicasio Anzelmo. Mercoledì 8 e giovedì 9 agosto, alle 19.15, lo spettacolo con la traduzione e la drammaturgia di Fabrizio Sinisi, diretto da Alessandro Machia, con Paolo Bonacelli, Edoardo Siravo, Alessandra Fallucchi, Silvia Siravo, Cecilia Zingaro, Marcella Favilla, Gabriella Casali. In una Troia avvolta dalle fiamme, Seneca mette in scena un universo segnato dal lutto e dalla perdita del controllo sulle passioni, in cui l’umano si afferma soltanto nella sua possibilità di fare il male. Gli dèi sono ormai presenze lontane e insignificanti, l’uomo è solo davanti al rischio dell’esistenza, con la sua sofferenza e col peso della sua libertà. A dominare è la guerra, quel pòlemos che secondo Eraclito è “madre di tutte le cose”. E la morte. Una morte che è anche liberazione dal dolore, dal male che “si trova dentro di noi” e “proviene dalle nostre viscere”, come afferma Seneca stesso nelle Lettere a Lucilio. In Troades, Seneca rivela una straordinaria modernità nel rappresentare il demoniaco che abita l’interiorità dell’uomo e il male di cui è capace. Pur mantenendo il titolo dell’originale euripideo, che rimanda a una coralità in cui protagoniste sono le donne troiane, Seneca concentra l’azione drammatica soprattutto su scene a due – a cui Fabrizio Sinisi nel suo adattamento aggiunge l’inedito confronto tra Ulisse ed Elena. Il fuoco della tragedia si sposta così dalla rappresentazione del dolore e della sofferenza dei vinti, a un piano più politico: a quel “discorso del potere” che vede la parola come rappresentazione, luogo di mascheramento attraverso l’eccesso della sua esibizione.
“Siamo di fronte a una testualità che è vera e propria “scena della parola”, nella quale ogni personaggio recita la propria parte nel palcoscenico del potere e in cui la retorica, lungi dall’essere un freno alla teatralità, costituisce a nostro avviso il vero motivo di modernità della tragedia senecana, capace di parlarci ancora oggi: perché rivela una parola che – come ai nostri tempi – ha perso ogni aggancio etico e morale, ogni riferimento veritativo, ogni intenzione di comunicazione per diventare pura affermazione di sé, strumentale al potere e all’annientamento dell’altro”, spiega il regista.
Il 12 e 13 agosto, dopo lo spettacolo Miles Gloriosus di Plauto, il pubblico di Segesta potrà continuare ad gustare i colori e i sapori della “classicità” con la manifestazione “Tipicamente: tradizioni e sapori” che si svolgerà a Calatafimi Segesta a partire dalle 20,.30, nel quartiere antico della “Circiara”. In un ecomuseo che racconta la
Sicilia degli inizi del ‘900, il visitatore si immergerà nei gusti e nei suoni della vita di un tempo. Non si tratta di un semplice evento folcloristico, ma di un’operazione culturale che rinsalda nella popolazione calatafimese il significativo legame con le proprie radici contadine e i rituali ad esse collegati.

Categorie

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
logo footer dionisiache bianco

Copyright 2017 © All Rights Reserved - Privacy policy