SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

Teatro Antico – 26-27-28 agosto, ore 19.15
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
Di W. Shakespeare
Regia: NICASIO ANZELMO
Con:
Margherita Mignemi, Plinio Milazzo, Massimo Giustolisi, Giuseppe Bisicchia, Elisabetta Alma, Giorgio Musumeci, Lucia Fossi, Giovanni Strano, Alessandro Burzotta, Marta Cirello, Michele Arcidiacono, Roberta Andronico, Luigi Nicotra, Irene Tetto, Pietro Casano.
Coreografie: BARBARA CACCIATO
Costumi: Sara Verrini
Aiuto Costumista Rosa Rinaldi
Progettazione mondo Magico: Nicoletta Sammartano

Aiuto alla regia: Roberto Oliveri
Realizzazione Costumi: Mela e Rosa Rinaldi
Produzione: Teatro Della Città

Biglietto intero €20-ridotto €15

Note:
“ … il fiore dell’amore svanito“ – la freccia di Cupido, nello sbagliar traiettoria colpisce facendolo diventare rosso vermiglio – che confonde la ragione, il razionale con l’irrazionale e causa di tutti i subbugli dell’inconscio degli esseri umani, è il protagonista assoluto di questo capolavoro shakespeariano.
Due luoghi d’azione: il primo luogo Atene, dove regna Teseo (non a caso uno dei più famosi seduttori della mitologia greca) che si accinge a sposare Ippolita ( non a caso la regina delle amazzoni), dopo averla sconfitta in battaglia. Il secondo luogo d’azione la foresta dove, in una furibonda perenne lite amorosa, regnano Oberon e Titania sovrani, di una corte di fate e folletti.
Atene è il luogo del quotidiano, della razionalità, dell’ordine; la foresta il luogo dell’irrazionale, dove tutto diventa possibile e gli istinti si scatenano e la realtà diventa illusoria e inafferrabile come un sogno. Fra i due luoghi si muovono ed agiscono, su racconti paralleli, i quattro innamorati e i rozzi artigiani. Ciascuno di loro con storie e finalità diverse, chi per ritrovare se stessi negli affetti e le proprie passioni, chi per ritrovare fama, gloria e denaro: ma tutti alla ricerca della propria stabile identità.
In questa magica foresta, complice gli incantesimi di Puck, tutto si dissolve, tutto si complica tutto diventa illusione. Un magico luogo in cui l’erotismo si rafforza con la passione e produce turbamento fino a penetrare nella profondità dei cuori rischiando di minare le basi stesse della civile convivenza tra gli uomini. La luce fa disperdere i fantasmi inquietanti che la notte ha evocato tra i poeti, gli innamorati e i pazzi coi i “ cervelli in ebollizione e fervide fantasie ”. Si rischia di rimane emarginati dal mondo se la luce del giorno non interviene a raffreddare cervello e fantasie e a ridare al mondo ordine ed equilibrio. Ma quando sembra che il corso delle cose siano rientrate nel loro equilibrio, ecco che ritorna la notte e i fantasmi inquietanti delle passioni, che la luce sembrava di avere domato. Un capolavoro shakespeariano che racconta di un mondo dove i fantasmi dell’irrazionale sono necessari e benefici per la razionalità che ci accompagna. Un esplorazione divertente e spesso comica negli abissi dell’inconscio in un allestimento semplice e leggero come semplice e leggera è la scrittura del Bardo.

“Se le nostre ombre offeso v’hanno
Immaginate e sarà poco il danno,
che quanto vi comparve qui davanti,
fu sogno, fu inganno, fulmine di pochi istanti… “

Spettacolo creato in esclusiva per Calatafimi Segesta Festival

Margherita-MignemiRoberta Androncio plinio-milazzo_1457950870605 PietroCasanoroberto oliveri Nicasio Anzelmo giorgio musumeci 1.png Luigi NicotraMarta Cirello Giovanni Strano Giuseppe Bisicchia Massimo Giustolisi Irene Tetto Michele Lucia Fossi Alessandro Burzotta (3) 14066407_1069303093138097_2736366842111232503_o19

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE ultima modifica: 2016-07-22T11:41:31+00:00 da admin